Italian
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Naglazyme (galsulfase) - A16AB

Updated on site: 08-Oct-2017

Nome del farmacoNaglazyme
Codice ATCA16AB
Principio Attivogalsulfase
ProduttoreBioMarin Europe Ltd.

Naglazyme

galsulfase

Questo documento è la sintesi di una relazione di valutazione pubblica europea (EPAR) per Naglazyme. L’EPAR illustra il modo in cui il comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) ha valutato il medicinale ed è giunto a formulare un parere favorevole alla concessione dell’autorizzazione all’immissione in commercio nonché le raccomandazioni sulle condizioni d’uso di Naglazyme.

Che cos’è Naglazyme?

Naglazyme è una soluzione per infusione (flebo in vena) contenente il principio attivo galsulfase (1 mg/ml).

Per che cosa si usa Naglazyme?

Naglazyme è utilizzato nel trattamento dei pazienti con mucopolisaccaridosi VI (MPS VI o sindrome di Maroteaux-Lamy). Questa malattia è causata dalla mancanza di un enzima chiamato N- acetilgalattosamina 4-solfatasi necessario per decomporre sostanze nel corpo chiamate glicosaminoglicani (GAG). Se l’enzima non è presente, i GAG non possono essere decomposti e si accumulano nelle cellule. Emergono quindi i segni della malattia, i più evidenti tra i quali sono bassa statura, crescita abnorme della testa e difficoltà di deambulazione. La malattia viene solitamente diagnosticata nei bambini di età compresa tra 1 e 5 anni.

Poiché il numero di pazienti affetti da MPS VI è basso, la malattia è considerata “rara” e Naglazyme è stato designato “medicinale orfano” (ossia medicinale usato nelle malattie rare) il 14 febbraio 2001.

Il medicinale può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica.

© European Medicines Agency, 2011. Reproduction is authorised provided the source is acknowledged.

Come si usa Naglazyme?

Il trattamento con Naglazyme dovrebbe essere effettuato sotto la supervisione di personale medico esperto nella cura di pazienti affetti da MPS VI o malattie analoghe. Andrebbe somministrato in strutture dove è disponibile attrezzatura per la rianimazione, in caso si verifichi un’emergenza.

Naglazyme viene somministrato per infusione per 4 ore una volta alla settimana. La dose raccomandata è di 1 mg per kg di peso corporeo.. Prima di ogni infusione, i pazienti dovrebbero

assumere un antistaminico per ridurre il rischio di reazioni allergiche. Ai pazienti può anche essere somministrato un farmaco per prevenire l'insorgere di febbre.

Come agisce Naglazyme?

Naglazyme è una terapia enzimatica sostitutiva. Tale tipo di terapia fornisce ai pazienti l’enzima di cui sono deficitari. Il principio attivo di Naglazyme, galsulfase, è una copia dell’enzima umano N- acetilgalattosamina 4-solfatasi. Naglazyme aiuta a decomporre i GAG e a impedirne l’accumulo nelle cellule. In tal modo si possono alleviare i sintomi della MPS VI, compresa la capacità di deambulazione dei pazienti.

Galsulfase viene ottenuto con un metodo noto come “tecnologia del DNA ricombinante”: viene cioè ottenuta da una cellula in cui è stato immesso un gene (DNA) che la rende in grado di produrlo.

Quali studi sono stati effettuati su Naglazyme?

Naglazyme è stato messo a confronto con un placebo (trattamento fittizio) in uno studio principale su 39 pazienti affetti da MPS VI di età compresa tra 5 e 29 anni. I criteri principali di efficacia era la distanza che i pazienti erano in grado di percorrere dopo 24 settimane di trattamento.

Quali benefici ha mostrato Naglazyme nel corso degli studi?

Naglazyme si è dimostrato più efficace del placebo. Dopo 24 settimane, la distanza media percorsa in 12 minuti è aumentata di 109 metri nei pazienti curati con Naglazyme e di 18 metri in quelli che ricevevano un placebo.

Qual è il rischio associato a Naglazyme?

Negli studi, gli effetti indesiderati più comuni con Naglazyme (riscontrati in più di un paziente su 10) erano dolori alle orecchie, dispnea (difficoltà respiratorie), dolori addominali e dolori diffusi. I pazienti possono solo avere reazioni all’infusioni (quali febbre, brividi, eruzioni e orticarie). Per l’elenco completo degli effetti indesiderati rilevati con Naglazyme, si rimanda al foglio illustrativo.

Naglazyme non deve essere somministrato a persone ipersensibili (allergiche) al galsulfase o a una qualsiasi delle altre sostanze.

Perché è stato approvato Naglazyme?

Il CHMP ha deciso che i benefici di Naglazyme sono superiori ai rischi e ha raccomandato il rilascio dell’autorizzazione all’immissione in commercio per il medicinale.

Il Comitato ha precisato l'importanza di trattare anche i pazienti al di sotto dei 5 anni di età affetti da forme gravi di MPS VI, sebbene non fossero inclusi nello studio principale condotto su Naglazyme.

Naglazyme è stato autorizzato in “circostanze eccezionali”. Ciò significa che, essendo la malattia rara, non è stato possibile ottenere informazioni complete su Naglazyme. Ogni anno l’Agenzia europea per i medicinali esaminerà le nuove informazioni eventualmente disponibili e, se necessario, la presente sintesi verrà aggiornata.

Quali informazioni sono ancora attese per Naglazyme?

L’azienda produttrice di Naglazyme sta effettuando studi relativi alla sicurezza a lungo termine e all’efficacia di Naglazyme su donne incinte e che allattano, oltre che su bambini al di sotto dei 5 anni di età, per verificare lo sviluppo di anticorpi (proteine prodotte nel corpo in reazione a Naglazyme che potrebbero avere un impatto sulla risposta al trattamento) e gli effetti indesiderati provocati dal farmaco. L’azienda sta anche conducendo studi per ottimizzare il dosaggio da somministrare a pazienti per trattamenti a lungo termine.

Altre informazioni su Naglazyme

Il 24 gennaio 2006 la Commissione europea ha rilasciato alla BioMarin Europe Limited un’autorizzazione all’immissione in commercio per Naglazyme, valida in tutta l’Unione europea. Tale

autorizzazione ha validità illimitata.

Il riassunto del parere del comitato per i medicinali orfani per Naglazyme è disponibile sul sito web dell’Agenzia all’indirizzo: ema.europa.eu/Find medicine/Human medicines/Rare disease designation.

La versione completa dell’EPAR di Naglazyme può essere consultata sul sito web dell’Agenzia selezionando ema.europa.eu/Find medicine/Human medicines/European Public Assessment Reports.

Per maggiori informazioni sulla terapia con Naglazyme, leggere il foglio illustrativo (accluso all’EPAR) oppure consultare il proprio medico o farmacista.

Ultimo aggiornamento di questa sintesi: 12/2010.

Commenti

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
  • Aiuto
  • Get it on Google Play
  • Chi siamo
  • Info on site by:

  • Presented by RXed.eu

  • 27558

    Prescrizione farmaci elencati